Miglioramento della salute dell’anziano per gli aspetti nutrizionali

L’invecchiamento, frequentemente accompagnato da un aumento del carico delle malattie croniche non trasmissibili, ha, come conseguenza, un incremento della pressione sul sistema sanitario. Le malattie croniche impongono alla popolazione anziana un peso elevato in termini di salute a causa della lunga durata di queste malattie, della diminuzione della qualità della vita e dei costi per le cure. Sebbene il rischio di malattie aumenti con l’età, i problemi di salute non sono una conseguenza inevitabile dell’invecchiamento. Se per molte di queste patologie non si conoscono misure preventive efficaci, per altre invece già sono note. Fra queste c’è l’adozione di un sano stile di vita che include una regolare attività fisica e una sana alimentazione. 

La malnutrizione nell’anziano è un fenomeno frequente ma non sempre riconosciuto e si accompagna spesso ad una difficoltà di interventi correttivi.

Per quanto sopra, è stato istituito un Tavolo tecnico ad hoc che ha elaborato il documento Miglioramento della salute dell’anziano per gli aspetti nutrizionali  che, sulla base dei dati disponibili,  individua alcune criticità e propone alcune soluzioni. Il documento è focalizzato sulla malnutrizione per difetto, senza dimenticare l’elevata prevalenza di obesità in età geriatrica, così come l’impatto che l’obesità sarcopenica ha, in particolare, sulla disabilità. Affronta inoltre, la questione legata alla presenza del “triple burden of malnutrition” in cui coesistono nello stesso individuo o nello stesso gruppo di individui, la malnutrizione per difetto, la malnutrizione per eccesso e la carenza di micronutrienti.

Consulta:

Consulta le notizie di Nutrizione

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Nutrizione

  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 10 giugno 2021, ultimo aggiornamento 17 novembre 2021