Ragazza che si spalma la crema

I cosmetici sono prodotti che si usano quotidianamente per l’igiene e la cura della persona, quali ad esempio saponi, deodoranti, shampoo, bagnoschiuma, ma sono anche prodotti specifici per la bellezza, come prodotti per il trucco, profumi, maschere e saponi di bellezza, prodotti per l’acconciatura e la tintura dei capelli, prodotti per le unghie, prodotti antirughe.

Il settore della cosmesi interpreta in modo dinamico un’esigenza del nostro tempo, il bisogno di raggiungere una sensazione di reale benessere, di stare bene con se stessi e con gli altri che si può ottenere anche attraverso la cura della propria persona. Per questo motivo, i cosmetici rappresentano spesso un oggetto da regalare molto gradito oltre che utile.

Soprattutto quando si pensa ad un regalo, è importante conoscere e valutare bene i prodotti sul mercato per poter scegliere in modo mirato quelli che abbiano caratteristiche adeguate a chi deve riceverli, riuscendo così a sorprendere piacevolmente. La possibilità di un’ampia scelta è garantita dalla disponibilità di prodotti innovativi frutto dello sviluppo della ricerca e dell’ applicazione delle moderne tecnologie con continue novità di colori, formulazioni, profumazioni.

E’ di fondamentale importanza acquistare ed utilizzare solo prodotti fabbricati e commercializzati nel rispetto della normativa vigente. In queste condizioni, infatti, il prodotto cosmetico immesso sul mercato garantisce i requisiti di sicurezza e di qualità ed inoltre assicura che procuri gli effetti vantati. Per questo motivo è necessario prestare attenzione a dove si acquistano i cosmetici, e rivolgersi sempre ai canali di vendita regolarmente autorizzati.


Donna che legge etichetta di un cosmetico

E' importante utilizzare i cosmetici in modo corretto e in condizione di sicurezza, leggendo e seguendo con molta attenzione tutte le informazioni riportate in etichetta, quali l’elenco degli ingredienti, le avvertenze e le indicazioni d’uso, che ci possono orientare a scegliere in modo consapevole il prodotto più adatto a ciascuno di noi, anche in base alle nostre esigenze.

E’ bene ricordare che per prodotti quali, ad esempio, tinture per capelli, prodotti per la depilazione e maschere per il viso, devono essere rispettati scrupolosamente i tempi di applicazione riportati nelle istruzioni d’uso descritte in etichetta o nel foglio illustrativo accluso alla confezione per evitare l’insorgenza di effetti indesiderati dovuti ad un uso scorretto del prodotto.

La scelta di un cosmetico dovrebbe quindi basarsi sulla valutazione della sua composizione (evitando quei prodotti che contengono sostanze a cui si è allergici o che non si tollerano bene) e sulla valutazione della sua presentazione, cioè dell’ aspetto, colore, odore, forma e dimensione affinché i prodotti cosmetici acquistati non siano confusi con altri generi di prodotti disponibili in casa.

I prodotti cosmetici possono essere  messi in commercio solamente se il recipiente e l’imballaggio del prodotto riporta queste indicazioni, in caratteri indelebili, facilmente leggibili e visibili:

  1. il nome o la ragione sociale e l’indirizzo della persona responsabile;

  2. il contenuto nominale espresso in peso o in volume (obbligatoriamente in italiano), con possibili deroghe per i campioni gratuiti, per le monodosi e per gli imballaggi con un contenuto inferiore a 5 g o a 5 ml e gli imballaggi preconfezionati solitamente commercializzati per insieme di pezzi;

  3. la data entro cui il prodotto può essere utilizzato, se opportunamente conservato, entro cui continua a svolgere la sua funzione iniziale (data di durata minima); tale data è preceduta dal simbolo: Icona clessidra
    o dalla dicitura «Usare preferibilmente entro:»
    Per i prodotti con durata minima superiore a trenta mesi, invece, deve essere riportata un'indicazione relativa al periodo di tempo in cui il prodotto, una volta aperto, può essere utilizzato senza effetti nocivi per il consumatore, preceduta dal simbolo rappresentante un barattolo aperto Icona barattoloo dall’acronimo «PAO» (Period after opening). Sono oggetto di possibili deroghe i prodotti monodose, i prodotti confezionati in modo tale da evitare il contatto tra il cosmetico e l’ambiente circostante (es. aerosol) e i prodotti per i quali il produttore certifichi che la formula è tale da impedire qualsiasi rischio di deterioramento;

  4. le precauzioni di impiego (necessariamente in italiano). In caso di impossibilità pratica a riportare sul contenitore o sull’imballaggio esterno le precauzioni particolari per l'impiego, queste devono essere contenute in un foglio di istruzioni, una fascetta o un cartellino allegati. A tali indicazioni il consumatore deve essere rinviato mediante un'indicazione abbreviata o mediante il simbolo di rinvio Icona libro;

  5. il numero del lotto di fabbricazione o il riferimento che permetta di identificare il prodotto cosmetico;

  6. il Paese d’origine per i prodotti fabbricati in paesi extra UE. È obbligatorio riportare «made in …»;

  7. la funzione del prodotto cosmetico, salvo se risulta dalla sua presentazione;

  8. l’elenco degli ingredienti.

    Non sono considerati ingredienti:
    • le impurezze contenute nelle materie prime utilizzate,
    • le sostanze tecniche secondarie utilizzate nella miscela ma che non compaiono nella composizione del prodotto finito.

Gli ingredienti impiegati nei prodotti cosmetici devono essere dichiarati sul recipiente e sulla confezione dei prodotti  tenendo conto dell'inventario e della nomenclatura comune nella versione aggiornata dalla decisione 2006/257/CE.

I composti odoranti e aromatizzanti e le loro materie prime sono riportati nell’elenco degli ingredienti con il termine generico di  «parfum» o «aroma». Invece, le sostanze odoranti e aromatizzanti, che sono state definite come potenzialmente allergizzanti e la cui esplicita indicazione è prescritta per legge, sono riportate con le loro specifiche denominazioni nell’elenco degli ingredienti di seguito ai termini “parfum” e “aroma”.

Tutti gli ingredienti presenti sotto forma di nanomateriali sono chiaramente indicati nell’elenco degli ingredienti. Alla dicitura «nano», tra parentesi, segue la denominazione di tali ingredienti.

Per i prodotti cosmetici da trucco immessi sul mercato in varie sfumature di colore, possono essere menzionati in una stessa etichetta tutti i coloranti diversi da quelli utilizzati nella gamma specifica  a condizione di aggiungervi le parole «può contenere» o il simbolo «+/-». Se del caso, è utilizzata la nomenclatura CI (Colour Index).

 L'uso sull'etichetta della dicitura «non testato su animali» è un'informazione utile al consumatore in quanto serve a metterlo in condizione di poter scegliere il prodotto con piena cognizione di causa.


Ragazza che compra dei cosmetici

I cosmetici contraffatti potrebbero contenere ingredienti vietati per legge e rappresentare un pericolo per la sicurezza del consumatore.

Per altri versi, la provenienza sconosciuta e il mancato rispetto della normativa comunitaria determina seri dubbi anche sull’efficacia di questi prodotti.

Per questi motivi tutti dovrebbero evitare l’acquisto di cosmetici contraffatti.

Non sempre però è facile riconoscere un prodotto cosmetico contraffatto. Il consumatore può adottare alcuni semplici ccorgimenti nell’acquisto dei prodotti, facendo anche confronti con cosmetici precedentemente acquistati o comunque noti:

  1. Prestare attenzione al nome del prodotto ed in particolare alla grafica (colore e scrittura del nome)
  2. Controllare bene il marchio del prodotto che si intende acquistare, in particolare se presenta anomalie od alterazioni rispetto a quello ben noto
  3. Controllare e confrontare l’aspetto della confezione in termini di colori, scritte (dimensione del carattere e presenza di errori ortografici), dimensioni del contenitore e della scatola
  4. Verificare la presenza delle informazioni che devono figurare in modo obbligatorio sulla scatola o sul contenitore
  5. Verificare che le indicazioni d’utilizzo, le precauzioni d’impiego e la funzione del prodotto siano riportate in lingua italiana
  6. Valutare la congruità del prezzo rispetto al tipo di prodotto
  7. Scegliere canali di vendita regolarmente autorizzati

Ragazza con dei cosmetici in mano

L’uso sicuro dei cosmetici dipende anche dalla corretta conservazione dei prodotti.
E' importante:

  • verificare, sia al momento dell’acquisto che per i prodotti  già disponibili in casa, la data di scadenza oltre la quale un cosmetico non deve essere utilizzato;
  • controllare se in etichetta sono descritte specifiche modalità di conservazione, riferite a tempo e temperatura, da rispettare per garantire la validità indicata.

E’ buona regola, comunque, non esporre il prodotto a temperature estreme, troppo freddo o troppo caldo, per non alterarne la composizione, ed inoltre  conservare le confezioni ben chiuse per evitare contaminazioni di tipo microbiologico o deterioramento.


Ragazza che svuota una bottiglia

La data di scadenza riportata sulla confezione indica fino a quando il prodotto, conservato in modo adeguato, mantiene le sue caratteristiche e i requisiti di sicurezza.

Tale data, costituita da MESE/ANNO o da GIORNO/MESE/ANNO, è obbligatoria per tutti i prodotti con validità inferiore o uguale a 30 mesi, ed è preceduta dalla dicitura

“Usare preferibilmente entro..…”          mese/anno  o giorno/mese/anno

oppure dal simbolo Icona clessidra mese/anno  o giorno/mese/anno

Se la validità di un cosmetico è superiore a 30 mesi, la data di scadenza può non essere indicata, ma deve essere invece indicato il periodo di tempo in cui il prodotto, una volta aperto, è sicuro e può essere utilizzato senza effetti nocivi per i consumatori.

Tale periodo, espresso in MESI e/o ANNI,  è preceduto dal simbolo Icona barattolomese/anno 

Per prodotti con validità superiore a 30 mesi, ma che per loro natura  non sono a rischio di deterioramento, oppure sono monouso, o si trovano in confezioni spray o in contenitori sigillati, non si applica questa regola.


Cosmetici riposti in ripiani

I prodotti cosmetici presenti in casa dovrebbero essere conservati in modo da non essere accessibili a bambini o a persone che potrebbero facilmente confonderli con altri generi di prodotti, per scongiurare il rischio di un uso improprio e potenzialmente pericoloso per la salute.

Particolare attenzione deve essere dedicata ai bambini, affinché non utilizzino le confezioni dei cosmetici in modo improprio e senza il controllo di un adulto, con il rischio di inalarne, succhiarne o  ingerirne il contenuto.

Si raccomanda di non offrire ai bambini le confezioni dei cosmetici come gioco o distrazione, specie durante i momenti dedicati alla cura e all’igiene, per evitare il rischio che possano inalare o ingerire in modo accidentale e imprevedibile il contenuto di prodotti a base di polvere (ad es. talco in polvere), o di prodotti liquidi o semiliquidi (ad es. olii per la pelle, saponi, creme protettive) che potrebbero causare conseguenze anche gravi per la salute.


Donna in visita dermatologica

Il (Regolamento (CE) n. 1223/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio stabilisce che i prodotti cosmetici messi a disposizione sul mercato debbano essere sicuri per la salute umana se utilizzati in condizioni d’uso normali o ragionevolmente prevedibili.

E' possibile però, che si verifichino degli effetti indesiderabili a seguito di utilizzo di un prodotto cosmetico.

Anche gli utilizzatori finali, (consumatori o professionisti che utilizzano ed applicano i cosmetici nella loro attività professionale), oppure i  professionisti del settore sanitario (medici, dermatologi, farmacisti,etc.) possono notificare alle Autorità Competenti (il Ministero della Salute per l’Italia) effetti indesiderabili gravi e non gravi (EIG/EI).

Secondo il Regolamento CE n. 1223/2009:

  • gli effetti indesiderabili (EI), in inglese “undesirable effects (UEs)”, sono definiti come “reazioni avverse per la salute umana attribuibili alle normali o ragionevolmente prevedibili condizioni di uso di un prodotto cosmetico”;

  • gli effetti indesiderabili gravi (EIG), in inglese “serious undesirable effects (SUEs)”, sono definiti come effetti indesiderabili che inducono incapacità funzionale temporanea o permanente, disabilità, ospedalizzazione, anomalie congenite, rischi mortali immediati o decesso.


Il Ministero della Salute ha perciò predisposto la Scheda di segnalazione nazionale per la comunicazione di effetti indesiderabili, gravi e non, potenzialmente attribuibili all’utilizzo di un prodotto cosmetico e che si manifestino in Italia.

La scheda, una volta compilata, può essere inoltrata tramite fax al numero 06.59943776 o tramite posta certificata dgfdm@postacert.sanita.it.

Il Ministero della Salute trasmette immediatamente le  informazioni pervenute sulle segnalazioni di EIG alle Autorità Competenti degli altri Stati membri e alla Persona Responsabile del prodotto cosmetico in questione.

 

 


  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email
Le informazioni qui pubblicate non sostituiscono in alcun modo i consigli, il parere, la visita, la prescrizione del medico.

Data di pubblicazione: 16 dicembre 2013, ultimo aggiornamento 16 dicembre 2013

Consulta i dossier di Cosmetici

Vai all'archivio completo dei dossier


Consulta l'area tematica: Cosmetici