Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Rapporti internazionali

L’OMS è divisa in 6 regioni (Europa, Americhe, Africa, Mediterraneo Orientale, Pacifico Occidentale e Sud-Est Asiatico) al fine di tener conto delle diverse realtà ed esigenze degli Stati Membri; si tratta quindi di un decentramento improntato a criteri di agilità operativa, in quanto le diverse problematiche sono affrontate sulla base delle caratteristiche socio-sanitarie della zona di intervento.

Annualmente ogni Regione dell’OMS indice un proprio Comitato Regionale - con la partecipazione dei rappresentanti dei rispettivi Stati Membri - incaricato di formulare politiche di carattere regionale, sovrintendere alle attività dell’Ufficio Regionale e promuovere conferenze e altre iniziative di sanità pubblica internazionale.
L’Ufficio Regionale è l’organo amministrativo del Comitato Regionale e ha tra le sue funzioni l’attuazione, in ambito locale e Regionale, delle decisioni dell’Assemblea Mondiale della Sanità e del Consiglio Esecutivo, grazie anche ad una certa autonomia in ambito programmatico ed amministrativo.
A capo di ogni Ufficio Regionale vi è un Direttore Regionale, nominato dal Consiglio Esecutivo d’intesa con il Comitato Regionale; l’incarico, rinnovabile, ha la durata di 5 anni.

Ufficio regionale europeo

L’Ufficio Regionale Europeo dell’OMS lavora affinché tutti i suoi Stati Membri raggiungano gli obiettivi previsti nella Strategia della salute per tutti nel 21° secolo individuando aree di intervento prioritario in ambiti quali la politica sanitaria, l’assistenza sanitaria, la salute materno-infantile, la lotta alle malattie trasmissibili, la prevenzione delle malattie non trasmissibili, l’impatto dell’ambiente sulla salute e lo studio dei determinanti sociali della salute.
In particolare, nella Regione europea importanti risultati sono stati raggiunti nell’ eradicazione della poliomielite, nel contrasto al tabagismo e all’alcolismo, nell’elaborazione di strategie in ambito di ambiente e salute e nella promozione della salute.
L’attuale Direttore Regionale europeo è il dott. Hans Kluge, belga, eletto durante il 69.mo Comitato regionale  europeo nel settembre 2019 ed ha iniziato il suo mandato il 1° febbraio 2020.
Consulta l' Organigramma (pdf, 43 Kb)




Logo World Health Organization - Regional Office For Europe

Il Comitato Regionale Europeo si riunisce ogni anno a metà settembre. In tale occasione, gli Stati Membri formulano politiche sanitarie a livello regionale, supervisionano le attività dell’Ufficio Regionale, esprimono commenti al bilancio per la componente regionale e, ogni cinque anni, procedono alla nomina del Direttore Regionale per l’Europa da sottoporre al Comitato Esecutivo OMS per l’approvazione.

Comitato Permanente del comitato regionale

Il Comitato Permanente del Comitato Regionale (Standing Committee of the Regional Committee - SCRC) è un sottocomitato del Comitato Regionale Europeo, costituito dai rappresentanti di 12 Paesi eletti dal Comitato Regionale per un periodo di tre anni.
Il Comitato Permanente, che si riunisce diverse volte l’anno, agisce a nome e per conto del Comitato Regionale e assicura che le decisioni e le politiche da esso adottate abbiano attuazione; esprime pareri al Comitato Regionale su specifiche questioni da esso espressamente indicate e svolge funzioni consultive nei confronti del Direttore Regionale, ove richiesto, nei periodi intermedi tra due sessioni del Comitato Regionale.

72ma Sessione

La 72ma Sessione del Comitato Regionale per l’Europa dell’OMS si è svolta in formato ibrido a Tel Aviv, in Israele, dal 12 al 14 settembre 2022: hanno partecipato circa 500 delegati in presenza e 200 partecipanti on-line, provenienti dai 53 Stati membri appartenenti all’area geografica dell’Europa e dell’Asia Centrale. Tra essi Primi Ministri, Ministri della Salute, rappresentanti di Organizzazioni internazionali, di ONG e giovani delegati.

“Dobbiamo accettare che crisi crescenti e spesso concomitanti sono la nuova normalità, come ci mostrano COVID-19, vaiolo delle scimmie e poliomielite. Abbiamo quindi bisogno di un duplice approccio alla salute: mentre ci prepariamo per le emergenze, dobbiamo anche investire in programmi e servizi sanitari essenziali, di uso quotidiano. Questi ultimi non possono essere sacrificati a favore dei primi", ha affermato Hans Kluge, Direttore di OMS Europa.

I risultati dell’incontro di Tel Aviv sono significativi: sono state adottate una serie di risoluzioni e decisioni relative alla lotta al cancro della cervice uterina, all’HIV/AIDS, all’epatite virale, alla tubercolosi e ad altre infezioni sessualmente trasmissibili.

I delegati hanno approvato un quadro d’azione per la lotta ai danni causati dall'alcol nella Regione, che paga il prezzo più alto nel mondo, con 2500 morti al giorno per malattie collegate all’alcol. E’ stato, inoltre,  adottato il primo quadro d'azione europeo per raggiungere il più alto standard di salute per i 135 milioni di persone con disabilità che vivono nella Regione.

I Paesi hanno anche approvato i piani d’azione per due delle “iniziative faro” di OMS/Europa: il Piano d’azione sulla salute digitale e quello sugli aspetti comportamentali e culturali (Behavioural and Cultural Insights).

Si sono tenute inoltre speciali Sessioni Ministeriali e incontri tecnici, tra cui quello dedicato alla sindrome post C-19 (Long COVID); e quello sul personale sanitario e assistenziale, rispetto al quale è emersa ancora una volta la necessità di un rafforzamento, a fronte del prossimo pensionamento del 40% dei medici nella regione e al burn-out di molti professionisti dopo tre anni di pandemia.

Sono stati discussi Quadri e Piani d’Azione ambiziosi ma pratici, che forniscono ai Paesi tabelle di marcia chiare, con tappe ben definite, capaci di portare miglioramenti nello stato di salute di tutti nel continente. “Affinché questi piani abbiano successo, abbiamo bisogno di leadership, risorse e, soprattutto, di volontà politica”, ha concluso Hans Kluge.

Consulta:


  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 22 luglio 2010, ultimo aggiornamento 27 settembre 2022

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area