Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Nuovo coronavirus

Al 23 ottobre, i Paesi UE / SEE con un trend stabile includono  Cipro, Estonia, Finlandia, Grecia, Liechtenstein e NorvegiaBanner OMS situazione nel mondo


Globale


(Ultimi dati OMS. Fonte: Health Emergency Dashboard, 30 Ottobre ore 09.29 am)

  • 44.592.789 casi confermati nel mondo dall'inizio della pandemia
  • 1.175.553 morti

Regioni OMS 

Europa

(Ultimi dati OMS, inclusa Italia, fonte Dashboard Who European Region, 29 Ottobre ore 10.00 am)

  • 10.261.850 casi confermati

  • 277.135 morti

America

(Ultimi dati OMS. Fonte: Health Emergency Dashboard, 30 Ottobre ore 09.29 pm)

  • 20.151.141 casi confermati

  • 633.668 morti

Sud Est Asiatico

  • 9.138.338 casi confermati

  • 142.895 morti

Mediterraneo orientale

  • 3.038.041 casi confermati

  • 77.190 morti

Africa

  • 1.308.041 casi confermati

  • 29.491 morti

Pacifico Occidentale

  • 726.539 casi confermati

  • 15.462 morti

Mappe interattive (dashboard)

Report internazionali

Vedi anche


Valutazione del rischio ECDC
(aggiornamento al 23 Ottobre 2020)

I tassi di notifica dei casi COVID-19 sono aumentati costantemente in tutta l'UE / SEE e nel Regno Unito dall'agosto 2020, ma non hanno il medesimo impatto in tutti i Paesi. In diverse aree l'aumento osservato è correlato all'aumento dei tassi di test e all'intensa trasmissione tra gli individui tra i 15 ei 49 anni di età, mentre la maggior parte dei rilevamenti riguarda casi lievi o asintomatici. Tuttavia, in altri Paesi, l'aumento coincide con tassi di notifica elevati o in aumento nelle persone anziane e, di conseguenza,è presente una percentuale maggiore di casi ospedalizzati e gravi. L'aumento dei livelli di trasmissione osservato indica che gli interventi non farmaceutici in atto non hanno raggiunto l'effetto desiderato, o perché l'aderenza alle misure non è ottimale o perché le misure non sono sufficienti per ridurre o controllare l'esposizione. Inoltre, la vulnerabilità della popolazione alle infezioni rimane elevata, poiché i dati disponibili dagli studi di sieroprevalenza suggeriscono che il livello di immunità nella popolazione è <15% nella maggior parte delle aree all'interno dell'UE / SEE e del Regno Unito. L'attuale situazione epidemiologica in molti Paesi è preoccupante in quanto pone un rischio crescente di infezione per gli individui vulnerabili (individui con fattori di rischio per la grave malattia da COVID-19, come gli anziani) e per gli operatori sanitari.

Paesi con trend stabili

Al 23 ottobre, i Paesi UE / SEE con un trend stabile includono  Cipro, Estonia, Finlandia, Grecia, Liechtenstein e Norvegia

Paesi con trend preoccupanti

Secondo gli ultimi dati disponibili, i Paesi classificati  come fonte di grave preoccupazione sono Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca e Repubblica Slovacca, Danimarca, Francia, Ungheria, Islanda, Irlanda, Italia,Germania, Lettonia , Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Slovacchia, Spagna, Svezia e Regno Unito.

Il contemporaneo aumento della positività al test osservato in molti Paesi, che per alcuni è stato accompagnato da un aumento dei ricoveri ospedalieri e in terapia intensiva, indica una situazione epidemiologica in aumento. Pertanto, la probabilità complessiva di infezione per la popolazione di questi paesi è molto alta.


Dall’allerta alla pandemia

Il 31 dicembre 2019 la Commissione Sanitaria Municipale di Wuhan (Cina) ha segnalato all’Organizzazione Mondiale della Sanità un cluster di casi di polmonite a eziologia ignota nella città di Wuhan, nella provincia cinese di Hubei. Il 9 gennaio 2020, il CDC cinese ha riferito che è stato identificato un nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) come agente causale della malattia respiratoria poi denominata Covid-19. La Cina ha reso pubblica la sequenza genomica che ha permesso la realizzazione di un test diagnostico. 

Il 30 gennaio l'OMS ha dichiarato l'epidemia di Coronavirus in Cina Emergenza internazionale di salute pubblica.

L'OMS ha elevato la minaccia per l'epidemia di coronavirus al livello mondiale a livello "molto alto" il 28 febbraio 2020.

L'11 marzo 2020 il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha definito la diffusione del Covid-19 non più una epidemia confinata ad alcune zone geografiche, ma una pandemia diffusa in tutto il pianeta.




  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 24 gennaio 2020, ultimo aggiornamento 30 ottobre 2020

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area